1.3.3 TERMINI IN USO PER AUDIT E VERIFICHE ISPETTIVE

Pubblicato il da Lavia

1w.jpg

In questa unità didattica vengono presentati tutti i termini sulle VI o audit che sono riportati nel progetto di norma ISO/DIS 19011 al capitolo 3. 

Queste definizioni sono per lo più coincidenti, tranne qualche lieve modifica, con quelle riportate al paragrafo 3.9 della norma UNI EN ISO 9000: 2000 che sono stati preparati prima della pubblicazione della ISO 19011. 

Nella tabella inserita sopra vengono riportate le corrispondenze necessarie all’allievo per effettuare ulteriori approfondimenti attraverso la visione diretta sulle norme tecniche allegate.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.1

Audit o verifica ispettiva della qualità

Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze degli audit e valutarle con obiettività, al fine di stabilire in quale misura i criteri di audit sono stati soddisfatti.

Nota

Gli audit interni, a volte denominati “audit di prima parte”, sono effettuati, per il riesame da parte della direzione e per altri fini interni, dall’organizzazione stessa, o per suo conto, e possono costituire la base per una autodichiarazione di conformità da parte dell’organizzazione.

Gli audit esterni comprendono quelli che sono generalmente denominati “audit di seconda parte” o di “terza parte”. Gli audit di seconda parte sono effettuati da chi ha un interesse nell’organizzazione, quali i clienti, o da altre persone per conto degli stessi. Gli audit di terza parte sono effettuati da organismi di audit esterni indipendenti, quali quelli che rilasciano certificazioni di conformità a requisiti della IS0 9001 e della IS0 14001. Quando i sistemi di gestione per la qualità e ambientale vengono sottoposti contemporaneamente ad audit, questo viene definito “audit coordinato” Quando due o più organismi di audit eseguono congiuntamente un audit su un unico valutando, I’audit viene definito “audit congiunto”.



 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.2

Criteri di audit (audit criteria)

Insieme di politiche, procedure o requisiti utilizzati come riferimento.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.2

Criteri di audit (audit criteria)

Insieme di politiche, procedure o requisiti utilizzati come riferimento.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.3

Evidenze dell’ audit

Registrazioni, dichiarazioni di fatti o altre informazioni, che sono pertinenti ai criteri di audit e verificabili.

Nota

L’ evidenza di un audit può essere qualitativa o quantitativa.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.4

Rilievi dell’ audit

Risultati della valutazione delle evidenze dell’audit raccolte rispetto ai criteri di audit

Nota

I rilievi dell’audit possono risultare conformi o non conformi rispetto ai criteri di audit, o segnalare opportunità di miglioramento.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.5

Conclusioni dell’ audit

Esito di un audit fornito dal gruppo di audit dopo aver preso in esame gli obiettivi dell’audit e tutti i rilievi dell’audit.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.6

Committente dell’ audit

Organizzazione o persona che richiede un audit.

Nota

Il committente può essere il valutando o qualsiasi altra organizzazione che abbia un diritto regolamentare o contrattuale di richiedere un audit.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.7

Valutando

Organizzazione oggetto dell’audit.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.8

Auditor, Valutatore

Persona che ha la competenza  per effettuare un audit

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.9

Gruppo di audit

Uno o più auditor che eseguono un audit, supportati, se richiesto, da esperti tecnici.

Nota 1

Un auditor del gruppo di audit è generalmente nominato responsabile del gruppo.

Nota 2

Il gruppo di audit può comprendere auditor in addestramento.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.10

Esperto tecnico

Persona che fornisce conoscenze o competenze specifiche al gruppo di audit.

Nota 1

La conoscenza o competenza specifica sono riferite all’ organizzazione, al processo, all’attività da sottoporre ad audit, alla lingua propria o alla cultura attinenti.

Nota 2

Un esperto tecnico non può agire come auditor nel gruppo di audit.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.11

Programma di audit

Insieme di uno o più audit pianificati per un arco di tempo definito ed orientati verso uno scopo specifico.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.12

Piano dell’audit

Descrizione delle attività da effettuare sul campo e delle disposizioni per la conduzione di un audit

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.13

Ampiezza dell’audit

Estensione e limiti di un audit

Nota 2

L’ampiezza dell’audit normalmente comprende una descrizione delle localizzazioni fisiche, unità organizzative, attività e processi, come pure il periodo di tempo richiesto.

 

ISO/DIS 19011 – pt. 3.14

Competenza

Dimostrata capacità di saper utilizzare conoscenze ed abilità.

 

 

____________________________________________________________________________

Questo articolo è parte dell'unità didattica 1.3

1.3 TERMINI E CONCETTI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE

 

contenuta nel corso di formazione a distanza (FAD)

☼   AUDIT E VERIFICHE ISPETTIVE. Formazione a distanza (FAD)


 

Commenta il post

Laura 06/05/2013 20:46

Ostrogoto per me :D