Indagine sui rifiuti e raccolta differenziata in Emilia Romagna

Pubblicato il da Lavia

aa

 

La Regione Emilia-Romagna ha realizzato, con la collaborazione di Arpa (Agenzia regionale prevenzione e ambiente), uno studio per ricostruire il percorso che compiono i rifiuti dalla raccolta differenziata fino agli impianti di riciclo e recupero.

In questo modo la Regione, con il sostegno di Conai (Consorzio nazionale imballaggi), garantisce l’intero ciclo che permette di dare una seconda vita ai rifiuti e, soprattutto, di ridurre il prelievo di nuove materie prime dall’ambiente.

Sono stati analizzati i flussi gestionali di carta, plastica, vetro, metalli e alluminio, legno, organico e verde.

Lo studio mette in evidenza che la quasi totalità del rifiuto raccolto in modo differenziato viene effettivamente avviato a recupero e nel ciclo produttivo.

 

Per quanto riguarda la raccolta differenziata della carta, in un anno (l’indagine riguarda il 2009) in Emilia-Romagna ne sono state raccolte 295.903 tonnellate (68 kg a testa per ogni cittadino): il 99% di questo materiale è stato reimmesso nel ciclo produttivo. Per la plastica il materiale raccolto è 81.660 tonnellate (19 Kg a testa) e il 76% è reimmesso nel ciclo produttivo. Il 97% dell’acciaio e dell’alluminio (28.182 tonnellate raccolte, 6,4 kg a persona) torna nel ciclo produttivo. Rientra in circolo produttivo il 91% della raccolta di vetro (138.627 tonnellate raccolte, pari a 32 kg a persona), il 98 % del legno (114.023 tonnellate raccolte, 26 kg a persona), il 95% dell’umido (181 803 tonnellate raccolte, 42 kg a testa) e il 98 % del verde raccolto (315.483 tonnellate raccolte, 72 kg a persona).

 

Per diffondere i risultati dello studio di ricostruzione dei flussi dei rifiuti differenziati, è stata sviluppata la campagna di comunicazione "Chi li ha visti? - Indagine sul recupero dei rifiuti". La campagna, lanciata in occasione di Ecomondo 2011 si svilupperà nei prossimi mesi utilizzando diversi strumenti e canali comunicativi. I principali materiali informativi possono essere scaricati dai link sottostanti: il pieghevole riporta i dati complessivi a livello regionale mentre l'opuscolo specifica i quantitativi effettivamente avviati a recupero per ogni singola provincia.

 

La Regione Emilia-Romagna inoltre mette a disposizione di Enti Pubblici e CEAS una mostra divulgativa gratuita per l'esposizione presso le proprie sedi.

 

CIÒ CHE DIFFERENZI OGGI, AVRÀ UNA NUOVA VITA DOMANI

  • DIFFERENZIA i rifiuti in base al materiale di cui sono fatti.
  • RIMUOVI i residui di cibo dai contenitori prima di gettarli.
  • RICORDA di mettere nell’indifferenziato le confezioni troppo sporche.
  • SEPARA in più parti gli imballaggi composti da materiali diversi.
  • RIDUCI il volume di bottiglie e scatole.
  • SEGUI le indicazioni per la raccolta riportate sulle confezioni, quando presenti.
  • NON BUTTARE rifiuti nel contenitore sbagliato.
  • PORTA al centro di raccolta i rifiuti ingombranti e pericolosi.
  • SE HAI DUBBI sulla raccolta rivolgiti al gestore del servizio pubblico.

 

 

Commenta il post

Laura 04/10/2012 10:28

Davvero molto interessante!