Invenzioni green: Eesha Khare brevetta un supercondensatore per ricaricare i cellulari in 20 secondi.

Pubblicato il da Lavia

eesha-kare.jpg

Citata tra le ultime  invenzioni green  nel settore della telefonia c’è un dispositivo in grado di ricaricare i cellulari in pochissimo tempo si dice, all’incirca 20 secondi, sostituendo le tradizionali batterie.

Il dispositivo è costituito da un superconduttore ed è stato messo a punto da una giovanissima studentessa californiana di soli 18 anni.

L’inventrice si chiama Eesha Khare ha studiato al Liceo di Lynbrook in California ed ha recentemente partecipato, il 17 maggio 2013, alla Fiera Internazionale INTEL di scienza ed ingegneria, classificandosi al secondo posto.

A questa manifestazione internazionale, molto nota, hanno partecipato circa 1600 finalisti provenienti da numerosi paesi nel mondo.

Sull’invenzione specifica non si sa ancora molto ma Khare ha sviluppato il suo progetto perché trovava troppo breve la durata della batteria del suo smartphone.

Così ha iniziato a cercare e testare nuovi materiali con cui creare una batteria per aumentare il tempo di durata ed il numero delle ricariche e quindi l’allungamento del ciclo di vita del carica batterie.

Per questi materiali ha trovato naturale pensare ai supercondensatori, in grado di immagazzinare grandi quantità di energia con alta efficienza.

Sotto la supervisione del Dr. Yat Li, presso il Dipartimento di Chimica e Biochimica, Università di California, Santa Cruz, e sfruttando le nanotecnologie ha progettato, e sintetizzato un nuovo tipo di elettrodo con idrogenati di biossido di titanio (H-TiO2), mentre l’involucro esterno  del dispositivo a stato solido è costituito da un guscio di polianilina.

I test hanno dimostrato che il materiale ha una supercapacità di 238,5 Farad per grammo, accumulando un’energia di 20540 watt per chilogrammo, con un’alta efficienza ovvero solo il 32,5% di perdita di capacità.

La durata della batteria, così costruita in laboratorio ha dimostrato di resistere ad oltre 10.000 cicli di carica.

Con questa invenzione, khare vinto un premio di $ 50.000 richiamando l’attenzione di Google e di molti produttori di telefonia.

Il dispositivo non è ancora pronto per una commercializzazione sul mercato, ma potrebbe esserlo presto ed inoltre si prevedono anche applicazioni in altri settori, come quello dell’industria tessile o quello della mobilità elettrica.

 

 

Commenta il post

monica c. 06/24/2013 18:46

ottime le ricerche in campo green!